ja_mageia

VAAFT - Terapia delle fistole anali
  • Increase font size
  • Decrease font size
  • Default font size
Home
Gozzo Tiroideo

Tiroide

 

La tiroide è una ghiandola endocrina (ovvero una ghiandola che produce ormoni) situata nella parte anteriore del collo.

Con il termine gozzo o struma si indica una ghiandola tiroidea aumentata di volume. La tiroide, quando aumentata di volume, può diventare visibile come un rigonfiamento della parte anteriore del collo. Spesso il gozzo insorge progressivamente dopo anni di malattia tiroidea.

 

Cause del gozzo

- Carenza di Iodio
La causa più comune del gozzo è la mancanza di iodio nell'alimentazione. Quando lo iodio è carente, la tiroide non produce sufficienti quantità dei propri ormoni. Altre sostanze vengono rilasciate (TSH, thyroid stimulating hormone) per "forzare" la tiroide a produrre i suoi ormoni ma proprio questa eccessiva stimolazione causa l'ingrossamento della ghiandola e quindi il gozzo. Lo iodio è spesso carente nelle regioni lontane dal mare; tuttavia esistono in commercio molti prodotti (sale da cuina, acqua potabile) a cui viene aggiunto iodio proprio per evitare la carenza di questo elemento nella popolazione.

- IpertiroidismiGozzo
Morbo di Basedow: malattia a genesi autoimmune della tiroide che aumenta la produzione di ormoni.
Noduli autonomi singoli o multipli: tumori quasi sempre benigni della tiroide che producono eccessive quantità di ormoni.

- Tiroiditi
Malattia di Hashimoto: malattia a genesi autoimmune della tiroide che ne riduce la funzionalità.
Altre tiroiditi (tiroidite sub-acuta, struma di Riedel, tiroidite acuta)

- Cancro
I tumori maligni della tiroide che hanno spesso una crescita rapida possono causare gozzo rimpiazzando il normale tessuto tiroideo. Esistono numerosi tipi di cancro della tiroide caratterizzati da diversi gradi di "malignità". Spesso il cancro della tiroide insorge su una precedente patologia benigna della tiroide: proprio per questo motivo, anche le patologie benigne necessitano di attenta sorveglianza.

Da questo elenco semplificato di cause è facile comprendere come il gozzo tiroideo possa essere il punto di arrivo di patologie completamente diverse tra loro sia per quanto riguardo la sintomatologia, sia per la loro "pericolosità".

 


Sintomi

I sintomi correlati al gozzo variano in base alla causa scatenante e all'entità del gozzo. Possiamo distinguere:
- Sintomi dovuti ad eccesso di ormoni tiroidei: alopecia, palpitazioni, diarrea, esoftalmo, magrezza, nervosismo, sudorazione, tachicardia, tremori, unghie fragili.
- Sintomi dovuti alla carenza di ormoni tiroidei: sensazione di freddo, depressione, sonnolenza diurna, difficoltà di concentrazione, aumento di peso, stipsi, cute secca e ruvida, gonfiore del viso, voce rauca, capelli secchi e fragili, perdita di memoria.
- Sintomi causati dall'aumento di dimensioni della tiroide: dispnea (difficoltà a respirare) e disfagia (difficoltà a deglutire) soprattutto in posizione supina.

 


Terapia

Tiroidectomia, cicatriceNelle forme più lievi il gozzo può non necessitare di trattamenti specifici o di cure. Se il gozzo è associato a carenza o eccesso di ormoni tiroidei, può essere necessario correggere farmacologicamente questo squilibrio. Per quanto riguarda il gozzo da carenza di iodio (gozzo endemico), spesso la semplice somministrazione di iodio attraverso la dieta può essere sufficiente per ridurre questa malformazione.
Nei casi in cui la presenza di un gozzo eccessivamente sviluppato induca problemi di respirazione o difficoltà nell'inghiottire, oppure ci siano dubbi sulla natura benigna del gozzo, può rendersi necessaria la rimozione chirurgica. L'intervento chirurgico eseguito più frequentemente è la tiroidectomia totale, ovvero la rimozione completa della ghiandola tiroide.

- Tiroidectomia totale: questo intervento comporta la rimozione dell'intera tiroide. Permette allo stesso tempo di correggere il gozzo e di prevenirne la successiva ricomparsa. La tiroidectomia totale è un intervento eseguito di routine in molti Centri specializzati ed è gravato da una scarsa percentuale di complicanze. La tiroidectomia richiede in genere 2-3 giorni di degenza in Ospedale e l'assunzione per tutta la vita di ormoni tiroidei (ovvero l'assunzione di una compressa al giorno).

- Tra le terapie alternative alla rimozione chirurgica, una delle più utilizzate è il trattamento con iodio radioattivo.

 

Autore: Dott. B. Neola

Adattamento: Dott. B. Neola

Scrivici
Contattaci

 

Share on Myspace

 

Università degli Studi di Napoli Federico II

Sondaggi

Come valuti la tua esperienza presso la nostra Area Funzionale?
 

Social